Volentieri a meno

Gli uomini fanno volentieri a meno della bellezza e della felicità; esulano dalla propria coscienza in cambio di un attimo di piacere.
La città di G. è molto ricca. In quarant’anni di sviluppo economico è cresciuta intorno a un centro sfigurato e ricostruito. In questo spazio vuoto di vita camminano nei pomeriggi del sabato e della domenica gli eredi di migliaia di anni di […]. La comunità, la stessa, più grande e godereccia, si è trasferita in periferia e il passeggio tra le vie del centro, accanto alle chiese disposte in scala (la più piccola un gioiello di arte barbara giunto stracco dall’Antichità), è un viaggio attraverso uno spazio trasfigurato, in cui i residui del passato rimangano indifferentemente fluttuanti tra le sagome movimentate della pubblicità.
Qui, tra il vero ormai trascorso e il falso che mantiene a galla questi esseri fatti di pulsioni, si consuma la fine di una sminuzzata civiltà nel breve tempo degli spettacoli televisivi e dei lavori da evitare. Non tutti in questo andirivieni camminano: qualcuno riesce a stare fermo, seduto su una panchina o sulle gradinate della chiesa. Sono per lo più gli stranieri, gli unici a lavorare, che riposano, osservano, si scambiano sguardi e parole, soffrono, ridono e vivono la vita degli ultimi umani su questa terra senza un futuro pacifico.
Il loro dramma, a noi, è vietato: non sono sedimenti inerti e per essere graditi a questa società di consumatori automatici non possono che annullarsi. Dovrebbero in primo luogo cancellare dai loro incontri il brusio amichevole della felicità, dalle loro menti le memorie d’attimi indimenticabili e dai loro passi l’eco vago dell’avvenire.
Non è tuttavia così semplice cancellare i ricordi e le speranze dalle persone. Può sembrare assurdo, ma è più facile togliere di mezzo gli elementi organici che ci costituiscono, piuttosto che le relazioni intime che intrecciamo con il mondo: questo è il dramma che pulsa nelle nostre vene e batte con insistenza alle porte delle tempie ogni secondo di lunghezza infinita.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...