Andrej Tarkovskij, “Scolpire il tempo”


“Prendiamo il finale del romanzo di Dostoevskij L’idiota. Quale sconvolgente verità di caratteri e di circostanze! In questo star seduti di Rogozin e Myskin su due sedie in una stanza enorme con le ginocchia che si toccano ci colpisce proprio il contrasto tra l’esteriore assurdità e insensatezza della messa in scena e l’assoluta verità della loro condizione interiore. Qui è proprio la rinuncia alla profondità di significato che rende la messa in scena convincente come la vita stessa”.

(A. Tarkovskij, “Scolpire il tempo”, Ubulibri, p. 27)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...